Ricordi e affetti, passioni, esperienze, sperimentazioni

Mia madre, Luciana Frezza, mi accompagna nei giochi di parole quotidiani, mi ricorda di non lasciar cadere quel “filo” interiore che pesca nell’animo e nelle cose la poesia della vita. Nel suo verso più sintetico come un haiku diceva: “La madre poeta/non va”. Non era vero, madre e poeta andava eccome. Poi è andata via…

luciana frezza

Natalia e le conquiste spaziali

natalia bambina

Forse perché la faccia della Luna
che c’ignora, mostrò il vecchio argento
quando nascesti, e presto
una scheggia di Terra
si conficcò nei mari di quiete;
o solo perché sei
così piccola e la tua ricca mano
ritrova in fretta il verso delle cose,
e i tuoi occhi di spigo si dilatano
a spiarci appostati
alla crepa di luce dei tuoi giorni,
non oso alzare i miei fino alla vetta
del tuo futuro, lunga ombra azzurra
al mio tramonto, coronata d’astri.

Luciana Frezza
Un tempo di speranza (1961-1970) Neri Pozza editore

la mia famiglia

i miei nonni

Illustrazioni

Libere interpretazioni di un tema, costruzioni impaginate dentro il testo di un quotidiano, per la pagina di Scienza e Tecnologia del’Unità,
per Rinascita, Lotta Continua, Quotidiano Donna, Gran Bazaar, e alcune riviste di poesia.
Né vignette, né disegni scientifici, semplicemente letture in bianco e nero un po’ visionarie. illustrazioni
Disegni
disegni
inizio pagina inizio pagina